Zoe si veste di ecologia e stile per il Salone del Mobile – plinioilgiovane
Shop now to receive your furniture on time SHOP NOW

Zoe si veste di ecologia e stile per il Salone del Mobile

Zoe si veste di ecologia e stile per il Salone del Mobile

Disegnata per Plinio il Giovane da Benedetta Di Matteo viene interpretata da Margherita De Zan e Annalisa Tonini di Officinemimesi per l'occasione della 60a edizione del Salone del Mobile di Milano, giugno 2022.

Zoe è una cucina in pieno stile Plinio il Giovane. La cucina nasce prendendo spunto dalle famose librerie Totem della collezione e dalla necessità di creare una cucina al di fuori dei classici canoni, che potesse rispecchiare l’idea di inaspettato dei prodotti trasformabili.

Una cucina semplice e minimale che diventa anche spazio di lavoro. È realizzata interamente in legno finito ad olio e con vernici biologiche, che permettono di dare colore e carattere al prodotto.

SOSTENIBILITA'

 

Durante il Fuorisalone2022, i prodotti di Plinio il Giovane si vestono ecologici con nuovi tessuti sostenibili, realizzati con telai jacquard. Articoli Global Recycled System fatti da Post-Consumer legati alla macerazione di tessuti e abiti usati per economia circolare.

Questi tessuti sono prodotti secondo una filiera studiata appositamente per essere rigorosamente locale e tutta made in Italy, per minimizzare l’impatto ambientale legato al trasporto delle materie prime e dei semi lavorati, riducendo notevolmente le emissioni di Co2.

Fanno parte di una collezione ZERO waste e vengono realizzati nel rispetto della normativa REACH dell’Unione Europea (adottata per migliorare la protezione della salute umana e dell’ambiente dai rischi che possono derivare dalle sostanze chimiche e per la promozione di metodi alternativi per la valutazione dei pericoli che possono derivare dalle sostanze stesse, allo scopo di ridurre il numero delle sperimentazioni condotte sugli animali).

 

Vai a: Zoe, la cucina Food & Job

Lascia un commento

*I campi con asterisco sono obbligatori

Si prega di notare che i commenti sono soggetti ad approvazione prima di essere pubblicati